Home
       
           

1. Risparmio energetico nella casa: un interesse comune

2. I consumi e le spese delle famiglie italiane: alcuni dati

3. Proprietari, affittuari e condomini: siamo tutti interessati ad intervenire

4. Interveniamo sul nostro edificio per usare bene l'energia e risparmiare

5. Interveniamo sull'illuminazione e sugli elettrodomes-tici

6. Utilizziamo le fonti rinnovabili di energia

 

RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA IN CASA

4. INTERVENIAMO SUL NOSTRO EDIFICIO PER USARE BENE L'ENERGIA E RISPARMIARE

DI TUTTA L’ENERGIA consumata in una stagione per riscaldare un edificio, una buona parte viene dispersa dalle strutture (tetto, muri, finestre) e una parte dall’impianto termico (rendimento). Riducendo le dispersioni e utilizzando apparecchi a più alta efficienza ogni famiglia può risparmiare sino al 30-40% delle spese per riscaldamento con notevoli vantaggi per il bilancio familiare e per l’ambiente

Per risparmiare combustibile dobbiamo intervenire sul nostro appartamento, sull’edificio e sull’impianto di riscaldamento:

  • Riducendo le dispersioni di calore attraverso il tetto, le pareti, le finestre e il solaio della
    casa.
  • Limitando le fughe di aria calda dalle finestre e dai cassonetti.
  • Effettuando una corretta manutenzione sul nostro impianto di riscaldamento.
  • Applicando dei sistemi di regolazione delle temperature interne per ottimizzare il funzionamento dell’impianto.
  • Installando in tutti gli appartamenti del condominio un sistema per contabilizzare il calore
    utilizzato.
  • Scegliendo una nuova caldaia ad alto rendimento.

 

RIDURRE LE DISPERSIONI DI CALORE DELLA CASA ATTRAVERSO IL TETTO, LE PARETI, IL SOLAIO
L’edificio deve rispettare la normativa sul contenimento dei consumi energetici, che impone di ridurre le dispersioni di calore dell’edificio. Un edificio mal isolato fa aumentare le spese di riscaldamento di tutti i condomini, pertanto è molto importante eliminare le dispersioni di calore con un accurato isolamento termico. Le spese di riscaldamento non dipendono solo dal volume da riscaldare, dal clima e dalla temperatura mantenuta all’interno dell’appartamento, ma anche dall’entità delle dispersioni di calore attraverso le pareti, le finestre, i solai, i tetti.

  • Isoliamo il tetto: posizioniamo l’isolante all’esterno sotto i coppi o le tegole, oppure all’interno nel sottotetto.
  • Isoliamo le pareti dall’interno e dall’esterno, e/o nell’intercapedine: dall’interno applicando
    pannelli di materiale isolante; dall’esterno applicando sulla facciata un “cappotto”,
    cioè uno strato di materiale isolante protetto da uno strato superficiale di finitura;
    nell’intercapedine riempiendola con degli opportuni materiali isolanti.
  • Coibentiamo i solai: dall’esterno con uno strato di materiale isolante impermeabilizzato
    e protetto dalla pavimentazione; dall’interno applicando pannelli isolanti al soffitto dell’ultimo piano.
    LIMITARE LE FUGHE DI ARIA CALDA DALLE FINESTRE E DAI CASSONETTI
    È importante migliorare la tenuta all’aria dei serramenti e ridurre le dispersioni di calore attraverso i vetri e il cassonetto.
  • Eliminiamo le infiltrazioni con guarnizioni per serramenti.
  • Isoliamo le superfici vetrate inserendo un altro vetro sul medesimo infisso, oppure inserendo
    un secondo serramento dietro o davanti al vecchio, oppure sostituendo il serramento
    con un altro con vetrocamera (doppi vetri).
  • Isoliamo il cassonetto dell’avvolgibile ed installiamo pannelli isolanti dietro i termosifoni.

 

 

Google
 
Web www.migrans.net
 
 
       
 
Enrico Caprio